Il Manifesto – Gianfranco Capitta
by on December 21, 2015 in DISSONORATA PRESS

 

Scena Verticale. Dissonorata, scritto e interpretato in sobri abiti femminili da Saverio La Ruina (che con Dario De Luca anima il gruppo), è la storia di una donna, anzi di “un delitto d’onore in Calabria”, come recita il sottotitolo. Ma non è tanto l’aspetto giudiziario o di colore a conquistare lo spettatore, quanto l’intensa umanità del personaggio. Una quotidianità di sofferenza e “attesa” in un sud eterno, nonostante il racconto si sviluppi a cavallo della metà del secolo scorso. Educazione e creanza di un ruolo femminile che include sottomissione perpetua, e che la protagonista rompe solo per un amore che è tutto suo, tanto che nel momento in cui si accorgerà di attendere un figlio (che nel testo ha il nome dell’autore / attore) rimane ancor più sola, senza amante e senza famiglia, e dissonorata appunto. In una lingua poetica e oscura come può esserlo il calabrese, ma che continuamente si accende di folgorazioni che hanno il calor bianco di una vita vissuta intensamente. Una prova d’attore straordinaria, capace di inquadrare nel rigore il suo racconto non meno straordinario.

Gianfranco Capitta – il Manifesto – 17.06.2007

footer
SCENA VERTICALE 2019 - POWERED BY SINTESI LAB

Questo sito fa uso di cookie per migliorare l'esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull'utilizzo del sito stesso. Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti. Può conoscere i dettagli consultando la nostra Cookie Policy e la nostra Privacy Policy. Proseguendo nella navigazione si accetta l'uso dei cookie; in caso contrario è possibile abbandonare il sito.