Il Mattino – Enrico Fiore
by on December 21, 2015 in ITALIANESI PRESS

 

Gli “Italianesi”di La Ruina echi di un incubo coloniale.

La splendida sostanza drammaturgica di “Italianesi”, lo spettacolo che Saverio La Ruina presenta alla Galleria Toledo, consiste nello scarto tra l’immane tragedia subita dai personaggi qui evocati e la quotidianità minima di cui è atta la loro vita: basta considerare il maniacale sproloqui che in apertura il protagonista, un sarto che ha passato quarant’anni in un campo di prigionia, scarica sugli spettatori circa i risvolti e la lunghezza ideali dei pantaloni. Quel sarto viene chiamato Tonino Cantisani, e in lui si condensano le vicende, stavolta verissime, delle migliaia di italiani che rimasero intrappolati in Albania alla fine della seconda guerra mondiale: là italiani, per l’appunto, e in quanto tali perseguitati come spie fasciste; e da noi, quando riuscivano a tornare, emarginati come albanesi e quindi “diversi”. Insomma, né italiani né albanesi, soltanto degli ibridi fantasmatici appena degni, giusto, del nome “italianesi”. La poesia dello spettacolo, smarrita e tuttavia indomita, sta invece negli sforzi che i personaggi, privati dell’identità, compiono senza sosta per rivestire di “carne” i fantasmi a cui si son ridotti: una “carne” che è quella, senza sangue, delle illusioni partorite giorno dopo giorno per non annegare nella disperazione. Saranno, per fare solo due esempi, l’illusione dell’Italia sognata come un eldorado o l’illusione di Tonino che il padre, tornato in Italia prima che lui nascesse in Albania, possa riconoscerlo e amarlo come se gli fosse stato sempre accanto. In breve – nel solco di una coerenza di scrittura esemplare – questi “italianesi” si rivelano come parenti stretti delle donne calabresi protagoniste di “Dissonorata” e “La Borto”, i due lavori precedenti che hanno imposto Saverio La Ruina all’attenzione del pubblico e della critica: poiché, al pari di quelle, scontano la privazione della dignità, la negazione del loro diritto a esistere in quanto persone. Eccellente, infine, anche la prova che La Ruina fornisce come attore, accompagnato dalla musiche dal vivo di Roberto Cherillo. Uno spettacolo da non perdere.

Enrico Fiore – il Mattino – 28.01.2012

footer
SCENA VERTICALE 2019 - POWERED BY SINTESI LAB

Questo sito fa uso di cookie per migliorare l'esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull'utilizzo del sito stesso. Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti. Può conoscere i dettagli consultando la nostra Cookie Policy e la nostra Privacy Policy. Proseguendo nella navigazione si accetta l'uso dei cookie; in caso contrario è possibile abbandonare il sito.