www.delteatro.it – Renato Palazzi
by on December 21, 2015 in DISSONORATA PRESS

 

Attento osservatore delle realtà della propria terra, il gruppo calabrese Scena Verticale – una delle espressioni più vivaci del nuovo teatro del nostro Sud – punta da sempre a una pungente analisi della sottocultura meridionale e di tutte le contraddizioni, di tutte le storture che essa innesca, passando in special modo per una rilettura caustica e grottesca di alcuni grandi classici della scena. Se in Dissonorata. Un delitto d’onore in Calabria il terreno dell’esplorazione resta in sostanza lo stesso, cambia però – almeno in apparenza – il tono di fondo, che pur mantenendo intatta una certa vena ironica evidenzia stavolta un’inedita componente di asciutta commozione. La storia della feroce punizione inflitta dai familiari a una giovane rimasta incinta sembra semplice fino a risultare elementare, una di quelle storie che ci capita sovente di leggere sui giornali, e che ci appaiono tanto comuni da ritenerle persino scontate: invece, così centellinata alla ribalta, stagliata sulla spietata lastra radiografica di un’asciutta elaborazione drammaturgica, essa ha come primo e principale effetto il fatto di ricordarci che di scontato, in simili episodi, non v’è nulla, che in nessun modo essi devono essere considerati abituali e consueti, il che già sarebbe una forma di indiretta ma inaccettabile accettazione da parte di chi osserva. Tanto per sottolineare che non siamo di fronte a un caso isolato, ma agli esiti di un costume secolare, l’intenso spettacolo proposto a Bella Ciao, il festival di Ascanio Celestini, ci mostra come l’epilogo violento non sia che il corollario di una lunga catena di sopraffazioni nei riguardi delle donne, costrette a vestire di nero, a vivere appartate, ad attendere che le sorelle maggiori abbiano la precedenza rispetto al matrimonio. Così la protagonista, timorosa che l’aspirante marito non l’aspetti, cede alle lusinghe dell’uomo, che dopo averla compromessa la pianta in asso lasciando che i parenti tentino di bruciarla viva dopo averla cosparsa di benzina. Per aggirare l’ombra nera del melodramma, sempre incombente su vicende di questo tipo, l’autore e regista Saverio La Ruina incarna egli stesso il ruolo della vittima ormai invecchiata che in un dialetto strettissimo ripercorre il filo del proprio destino: seduto su una seggiolina coi suoi abiti maschili sui quali spicca appena una specie di grembiule scuro, la posa composta e dimessa di un’anziana cui le disgrazie non hanno spento il sorriso, dovrebbe indurci a prendere un po’ le distanze, ma in parte per la sua bravura, in parte per quell’aria fuori posto riesce a rendere il tutto ancora più struggente. Ad acuire l’emozione c’è la scoperta che il figlioletto nato alla sopravvissuta si chiama come lui, Saverio, il che implica risvolti autobiografici su cui non è necessario far luce, ma che non possono lasciare indifferenti.

Renato Palazzi – www.delteatro.it – 20.09.2006

footer
SCENA VERTICALE 2019 - POWERED BY SINTESI LAB

Questo sito fa uso di cookie per migliorare l'esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull'utilizzo del sito stesso. Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti. Può conoscere i dettagli consultando la nostra Cookie Policy e la nostra Privacy Policy. Proseguendo nella navigazione si accetta l'uso dei cookie; in caso contrario è possibile abbandonare il sito.