Il Mattino – Enrico Fiore
by on December 21, 2015 in POLVERE

17/02/2015
Riferiti dalle cronache di giornali e televisioni, conosciamo uno per uno tutti i dettagli, pur se
minutissimi, dell’esito cruento; ma non sappiamo niente, o quasi, dell’incarnarsi giorno dopo
giorno, gesto dopo gesto, parola dopo parola della violenza che porterà a quell’esito, chiamato
femminicidio. E il merito di «Polvere», lo spettacolo che Saverio La Ruina presenta alla Galleria
Toledo, consiste proprio nel fatto che descrive con precisione addirittura chirurgica gli stadi
progressivi di tale incarnarsi. Assai probante appare, nel merito, la sequenza d’avvio. Sono in scena
un Lui e una Lei. E mentre Lei si sbraccia leziosa e giuliva sull’onda di «I will survive» cantata da
Gloria Gaynor («So che resterò viva / ho tutta la mia vita da vivere»), Lui se ne sta accasciato in
terra come un cane bastonato. Sembrerebbe, insomma, che gli tocchi il ruolo della vittima. Ed è
appunto quest’immagine ingannevole che, per contrasto, annuncia e sottolinea il vero ruolo di Lui,
quello di un carnefice tanto ammantato di debolezze quanto determinato. Perfetto, quindi, risulta
Saverio La Ruina nella parte di Lui, perché, insieme con la grande bravura d’attore, ci mette quel
suo aspetto innocuo e quella sua faccia indifesa e dolce: assolutamente spiazzanti e urticanti quando
poi, per fare un esempio, diventano la maschera di un autentico terzo grado, fra il crudele e il
surreale, che investe Lei a proposito di una sedia che ha spostato da dove stava di solito. «Oggi è la
sedia, ma domani è una persona, un uomo, e io ho bisogno di capire se sei una donna affidabile»,
farnetica Lui con tono perfido e insinuante. Siamo, allora, di fronte a un testo che adotta con
sapienza ed efficacia gli stereotipi dei più consunti luoghi comuni per rovesciarli subito nella
paralisi della canonica ideologia maschilista e familista. Lui proclama che «l’amore vince anche la
morte» solo per raccontare di come il padre, caduto su una scarpata, si salvò dal gelo notturno
grazie ai mutandoni, alla maglia e ai calzettoni di lana con cui lo vestiva d’inverno «quella santa
donna» di sua madre. Così, il tormentone della battuta «Facciamo l’amore e passa tutto» diventa
proprio la polvere del titolo: quel velo d’ipocrisia che a poco a poco si stende sui sentimenti della
coppia come, davvero, un lenzuolo funebre. E molto brava, accanto a Saverio La Ruina, è anche la
coprotagonista Cecilia Foti. Per concludere, uno spettacolo ad un tempo
intelligente, illuminante e coinvolgente.

footer
SCENA VERTICALE 2019

Questo sito fa uso di cookie per migliorare l'esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull'utilizzo del sito stesso. Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti. Può conoscere i dettagli consultando la nostra Cookie Policy e la nostra Privacy Policy. Proseguendo nella navigazione si accetta l'uso dei cookie; in caso contrario è possibile abbandonare il sito.