La Stampa – Osvaldo Guerrieri
by on February 2, 2016 in ITALIANESI PRESS

 

Italianesi, tragedia al suono di “carillon”
Prima di approdare con una propria “personale” ad Astiteatro, Saverio La Ruina ha chiuso il Festival delle Colline con il pezzo portato giovedì scorso ad Asti, un monologo la cui leggerezza non minimizza un dramma misconosciuto della Storia. […] Com’è soffice la narrazione di La Ruina. Il suo personaggio zoppica (un poliziotto gli ha spaccato il ginocchio per sapere da lui chissà cosa), nel campo fa il sarto, è famoso per una sua infallibilità nello scegliere i colori, ha conquistato una ragazza dicendole che è lei il colore che gli manca, è sentimentale, sognatore ma fermo nelle sue certezze. La Ruina recita con la musicalità di un carillon, ma guardatelo alla fine, quando prende coscienza del suo sradicamento e pietrifica la dolcezza nei ripetuti “no”, “no”: magnifico.

Osvaldo Guerrieri – La Stampa – 01.07.2012

footer
SCENA VERTICALE 2019

Questo sito fa uso di cookie per migliorare l'esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull'utilizzo del sito stesso. Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti. Può conoscere i dettagli consultando la nostra Cookie Policy e la nostra Privacy Policy. Proseguendo nella navigazione si accetta l'uso dei cookie; in caso contrario è possibile abbandonare il sito.