SAVERIO E CHADLI VS MARIO E SALEH
by on October 12, 2021 in

scritto e diretto da Saverio La Ruina

con Saverio La Ruina e Alex Cendron
e con Chadli Aloui (voce off)

collaborazione alla regia Cecilia Foti
musiche originali Gianfranco De Franco
scene e costumi Mela Dell’Erba
disegno luci Michele Ambrose
audio e luci Mario Giordano
organizzazione generale Settimio Pisano
amministrazione Tiziana Covello
produzione Scena Verticale
con il sostegno di MIBACT, Regione Calabria
in collaborazione con TMO – Teatro Mediterraneo Occupato di Palermo

All’inizio c’erano Mario e Saleh, un occidentale cristiano e un arabo musulmano che all’indomani di un terremoto si ritrovano a convivere nella stessa tenda. Ma alla prima nazionale, Chadli, l’attore che interpreta Saleh, esce dal personaggio e riscrive il finale. Rimango sconcertato. Intuisco in quella ribelli one una grande sofferenza. Vorrei accoglierla nello spettacolo. Le repliche continuano, i mesi passano, io e Chadli parliamo. Lui mi racconta di sé, dell’Islam, della sua vita in Italia da arabo di seconda generazione. Spesso registriamo le nostre chiacchierate. Poi faccio la cosa più semplice: faccio un passo indietro, metto Saverio e Chadli accanto a Mario e Saleh e lascio che siano loro a parlare…

Ironia della sorte, al debutto milanese, Chadli non c’è per motivi giudiziari. A interpretare Saleh chiamo Alex Cendron, biondo con gli occhi chiari. Una scelta poetica che mi permette di sperimentare ulteriormente intorno all’individuo e alla sua identità. Mentre Chadli Aloui rimane presente nello spettacolo, così come era previsto, con la sua voce e la sua forte testimonianza.

Saverio La Ruina

 

Saverio e Chadli vs Mario e Saleh, Milano, Teatro Menotti, 19 ottobre 2021
Mario e Saleh, Roma, RomaEuropa Festival, 26 ottobre 2019

 

HANNO DETTO

la Repubblica – Anna Bandettini – 21/10/2021
È importante perché accende discussioni. Saverio e Chadli vs Mario e Saleh […] di un autore/attore di talento, Saverio La Ruina, è un dialogo a due voci sull’Islam di seconda generazione e noi. Materia bollente, lo provano le difficoltà attraversate dallo spettacolo stesso: tre riscritture, una per esplicitare il disagio del coprotagonista […] verso il personaggio di Saleh […]. I dialoghi del testo e quelli reali, registrati, tra La Ruina e Aloui spingono a riflettere sulla non-accettazione interculturale, ma alcune cose che dice il “vero” Chadli, fanno paura.

Milanoteatri.it – Danilo Caravà – 20/10/2021
La Ruina ha un’intuizione meravigliosa, quella di aggiungere al testo la scrittura metateatrale, i suoi dialoghi con l’attore Chadli, la volontà contagiosa di quest’ultimo di sfuggire alla prigione del testo […] per aprire un dialogo, libero, sincero, svincolato, con l’autore […] uno schiaffo che brucia idealmente sulla guancia della platea tutta. […] Più vero del vero […].

Klpteatro.it – Vincenzo Sardelli – 29/10/2021
In “Saverio e Chadli vs Mario e Saleh” […] arriva il salto di qualità che non ti aspetti, nella forma di un backstage sonoro. […] È qui il contrappunto più evidente: nell’inadeguatezza della scena rispetto alla verità che erompe da dietro le quinte e preme per farsi drammaturgia.

La Stampa – Adriana Marmiroli – 20/10/2021
“Saverio e Chadli vs Mario e Saleh” è […] illuminante per come più o meno inconsciamente ci relazioniamo, anzi contrapponiamo, ai figli dell’Islam.

Gazzetta del Sud – Vincenzo Bonaventura – 5/11/2021
La Ruina (sempre bravo come attore, con una gestualità performante anche quando è controllata, che lo rende unico) […] inserendo le registrazioni di Chadli ci porta in presa diretta dall’altra parte del voi, in quel voi che noi occidentali siamo per gli altri.

Guido Valdini – Repubblica Palermo – 30/04/2022
[…] è il modo in cui viene trattato a rendere singolare “Saverio e Chadli vs Mario e Saleh” […]. Perché è un lavoro che, nella struttura a specchio, mette in continua discussione s
e stesso e il suo assunto: così come l’argomento ha un’articolazione dialettica, allo stesso modo lo spettacolo si mette in crisi, mischiando realtà e finzione, come dibattito civile di cui il teatro svela i suoi dubbi con ironia.

Tiziana Bonsignore – Teatro e Critica – 19/05/2022
Fuori dal Teatro Libero, un gruppo di persone discute dello spettacolo appena visto, accalorandosi come raramente accade. Molti sono scettici, lo accusano di essere inadeguato, superficiale, addirittura islamofobo. […] Senza rendersene conto, qualcuno ha biasimato in Mario/Saverio i propri limiti: con maggiore astio ci si schiera contro ciò che svela la nostra fallibilità […]

 

Rassegna stampa completa

 

footer
SCENA VERTICALE 2019

Questo sito fa uso di cookie per migliorare l'esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull'utilizzo del sito stesso. Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti. Può conoscere i dettagli consultando la nostra Cookie Policy e la nostra Privacy Policy. Proseguendo nella navigazione si accetta l'uso dei cookie; in caso contrario è possibile abbandonare il sito.